Utilizziamo i cookie per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul sito o chiudendo questo pop up, l'utente accetta di utilizzare i cookie.

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori a 100€

ordine minimo di 30€

SCONTO 10%

per il primo ordine superiore a 100€, inserisci il codice estate2019

TRANSAZIONI SICURE

Shopping facile sicuro e conveniente

Che cosa deve esserci in un kit di primo soccorso?

Scritto da admin 02/01/2020 0 Commenti

Per affrontare un viaggio in tutta serenità è bene essere nelle condizioni fisiche idonee alla guida e dotare la propria vettura di una serie di oggetti che possono risultare davvero utili.

La cassetta di primo soccorso non è una dotazione obbligatoria, come ad esempio il triangolo di segnalazione catarifrangente da utilizzare in caso di incidente o guasto, ma è necessaria nei casi in cui il guidatore o passeggero abbia un piccolo problema.

LA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO, per essere davvero utile un kit per l’auto dovrebbe contenere: una mascherina con visiera paraschizzi; due flaconi di soluzione fisiologica; due flaconi di disinfettante; buste compresse di garza sterile; una confezione di cotone idrofilo; pinze sterili; un paio guanti da lavoro e un paio di guanti monouso in lattice; utili anche un astuccio di benda tubolare e un cutter, per tagliare la cintura di sicurezza in caso di necessità; compresse di garza sterile, così come un telo sterile monouso, un rotolo di benda orlata e cerotti con disinfettante, con un rocchetto di cerotto adesivo; preziosi anche i lacci emostatici, un termometro, un pacco di ghiaccio istantaneo e la medicazione per ferite​. Inoltre, sarebbe meglio ​avere un ortesi di Shanz (il collarino) per eventuali distorsioni del rachide cervicale. 

FARMACI DA TENERE IN AUTO: per quanto riguarda i medicinali, occhio di riguardo a causa della scadenza e alla conservazione dato che inevitabilmente vengono esposti a forte freddo o caldo, e possono rovinarsi. È bene evitare di esporli a fonti di calore e a irradiazione solare diretta: se questo accade per un breve lasso di tempo, (uno o due giorni) a temperature superiori a 25 gradi, forse non ne pregiudicate la qualità; ma, per un tempo più lungo, si riduce considerevolmente la data di scadenza.

Lascia un commento