Utilizziamo i cookie per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul sito o chiudendo questo pop up, l'utente accetta di utilizzare i cookie.

SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori a 100€

ordine minimo di 30€

SCONTO 10%

per il primo ordine superiore a 100€, inserisci il codice estate2019

TRANSAZIONI SICURE

Shopping facile sicuro e conveniente

Termoconvettore: svantaggi e vantaggi

Scritto da admin 09/11/2020 0 Commenti

Il vantaggio principale è che all’interno dei singoli termoconvettori può non circolare alcun liquido che può gelare se la temperatura scende sottozero. Per cui d’inverno possono essere lasciati spenti senza problemi, a differenza dei termosifoni che devono rimanere al minimo oppure svuotati assieme all’impianto di riscaldamento. Questo fattore rende i termoconvettori adatti per le seconde case di montagna che si usano solo in brevi periodi dell’anno. Un altro vantaggio dei termoconvettori è che il caldo si crea abbastanza velocemente, quindi il riscaldamento è rapido, quasi immediato. I modelli più recenti, che non ingombrano molto, sono di solito dotati di una manopola di regolazione e possono disporre di timer per programmare accensioni e spegnimento. Altra cosa positiva dei termoconvettori è che non necessitano di manutenzione, a parte la pulizia ogni tanto delle parti che possono essere soggette ad ostruirsi. Questi dispositivi, infine, non rischiano di disperdere scarichi nocivi che possono saturare l’ambiente interno – questo è un vantaggio rispetto alle stufe – e anche un’eventuale perdita di gas del circuito scaricherebbe gas all’aria aperta (in caso di termoconvettore a gas). Lo svantaggio principale dei termoconvettori è legato al fatto che essi sfruttano il principio fisico dell’aria calda che sale e dell’aria fredda che scende per cui: al pavimento la temperatura sarà più bassa (piedi freddi) e in alto più calda. Tra il pavimento e l’aria a un metro da terra ci può essere una differenza anche di alcuni gradi, non poco insomma. Un altro svantaggio può essere quello dei consumi. Se l’obiettivo è risparmiare gas o comunque contenere le bollette elettrica (in caso di convettore elettrico), molto dipende dal tipo di termoconvettore che si sceglie (vedi sotto). Nel complesso però la spesa per il riscaldamento con un impianto a termoconvettori è in genere in linea con quella di un impianto di riscaldamento a termosifoni.

Lascia un commento